Colloquio di lavoro in inglese, come prepararsi e alcuni esempi di domande e risposte

colloquio di lavoro in inglese

Colloquio di lavoro in inglese, come prepararsi e alcuni esempi di domande e risposte

Ammettiamolo, per molte persone i colloqui di lavoro costituiscono una prova impegnativa a causa delle domande che possono essere poste, del nervosismo e dell’ansia. Sostenere un colloquio diventa ancora più difficile se deve essere condotto in una lingua straniera. Se vi trovate nella situazione di dover affrontare un colloquio di lavoro in inglese e cercate consigli e frasi utili per impressionare positivamente il recruiter, siete nel posto giusto!

Come prepararsi per un colloquio di lavoro in inglese?

Prepararsi a un colloquio di lavoro in inglese può sembrare un processo complicato, ma con una buona mentalità e un po’ di pratica, tutto diventerà più semplice. La prima cosa da fare è documentarsi sull’azienda e sul ruolo per cui si sta candidando: cerca informazioni sulla mission e sulla cultura aziendale, sui prodotti e sui servizi offerti, nonché sui valori che la azienda promuove. 

Un’altra delle Best Practice per prepararsi ad un colloquio in inglese è arrivare pronti con una presentazione professionale che metta in evidenza le proprie competenze e abilità. 

Durante un colloquio, infatti, è estremamente probabile che il datore di lavoro ti chieda una domanda semplice come “Tell me about yourself” (Parlami di te). 

Non sottovalutare questo momento, poiché la prima impressione che darai influenzerà il resto dell’intervista. Durante la tua presentazione, tieni a mente ciò che hai scritto nel tuo curriculum vitae. Racconta delle tue esperienze passate, dei tuoi studi e delle tue passioni, senza tuttavia dedicare troppo tempo a queste ultime. 

Chi ti intervista potrebbe avere delle domande riguardo al tuo CV, quindi è fondamentale essere sempre pronti con una risposta. Concentrati sulle esperienze più rilevanti per la posizione a cui ti stai candidando e fornisci il maggior numero possibile di dettagli.

Dopo la presentazione, arriva il momento delle domande: quali sono le domande più frequenti in un colloquio di lavoro in inglese? E come dovresti rispondere?

Colloqui lavoro inglese: domande e risposte

Oltre a questi semplici consigli generali, vediamo ora quali potrebbero essere le domande che il tuo interlocutore potrebbe porti. Il mio consiglio è quello di provare e riprovare tantissime volte a rispondere a queste domande: così facendo, oltre a migliorare la pronuncia, sari molto più sicuro di te nel caso dovesse capitarti una di queste domande. 

Vediamole nello specifico: 

  1. Why do you want to work here? / Perchè vuoi lavorare qui?

Durante un colloquio di lavoro, una delle prime domande che potresti ricevere è “Perché vorresti lavorare qui?” o “Perché ti sei candidato/a per questa posizione?” (Why did you apply for this job?”)

Esistono diverse risposte possibili a questa domanda e variano da persona a persona. Potresti sottolineare un aspetto del lavoro per cui ti senti particolarmente portato/a, come ad esempio la parte creativa, oppure potresti menzionare qualcosa che apprezzi dell’azienda in cui ti stai candidando. 

Inoltre, ricordati di parlare esplicitamente degli aspetti della job description che ti hanno colpito. In questo modo, dimostrerai di averla letta attentamente e di essere ben consapevole di ciò a cui andrai incontro, rendendo una buona impressione sul tuo potenziale datore di lavoro.

Questo potrebbe essere un esempio di risposta: 

I applied for this position because I am passionate about the mission of your company and the positive impact it has on society. Collaborating with a diverse group of individuals to solve complex problems is a feature of the job that excites me, as I am a team player at heart and thrive in such an environment. I am confident that my skills and experience make me a strong fit for this role and I am eager to contribute to the success of the organization. Furthermore, I am drawn to this position because of the opportunity for growth and development it offers. I am committed to working hard and continuously improving my performance to make a positive impact on the organization. In summary, I am excited about the prospect of joining your team, contributing to the important work you do, and expanding my skills and expertise.

  1. What are your strengths? / Quali sono I tuoi punti di forza?

Nel caso dovessero farti questa domanda, avresti un’incredibile opportunità: quella di spiegare per bene quali sono i punti di forza del tuo carattere (e del tuo modo di lavorare) e di cercare di risultare quanto più competente e professionale possibile. Cerca di essere sincero al 100% perché, se poi si verrà a scoprire che hai mentito o che in realtà non hai davvero questi punti di forza, potrebbero ritorcertisi contro. 

Ecco un esempio di risposta: 

One of my assets is my outstanding ability to organize. To exemplify, when I worked as an interim Assistant Manager at a hotel in Vienna, I rearranged the administrative office. Despite seeming like a trivial duty, the office had not been reorganized in years, and the effect on daily activities was significant. The staff was oblivious to the excess uniforms that were stored in the office. Consequently, we abstained from ordering additional uniforms for several months.

  1. Where do you see yourself in the next 5 years? / Dove ti vedi tra 5 anni?

Questa è una delle domande che i recruiter amano fare e anche una delle più temute dai candidati. Questo perché per molti individui pensare a sé stessi tra un anno è già una sfida, figuriamoci tra cinque! Nel caso in cui non siate in grado di fornire una risposta definitiva a questa domanda, una buona strategia potrebbe essere quella di prendere spunto dalla job description e ampliarla

Ad esempio, se il lavoro a cui vi state candidando non richiede la gestione di un team, potreste affermare che vi piacerebbe assumere quella responsabilità. Oppure, se l’azienda ha sedi all’estero, potreste esprimere il desiderio di ricoprire un ruolo che comporti frequenti spostamenti. In questo modo, dimostrerete al potenziale datore di lavoro che siete attenti alle opportunità di crescita all’interno dell’azienda e che siete disposti ad assumere responsabilità aggiuntive.

Un esempio di risposta potrebbe essere: 

Within the next five years, I aspire to become a Manager at a hotel. My objective is to cultivate a constructive workplace atmosphere where my employees hold me in high regard and appreciate my open-door policy. I intend to establish an inviting environment where any member of the team can approach me to discuss their accomplishments or apprehensions. Furthermore, I plan to enhance my expertise in Human Resources management by obtaining supplementary professional certifications. I am also enthusiastic about improving my abilities as a sommelier. Lastly, I aim to increase my proficiency in the French language to attain a level B1.

  1. Why do you want to leave your current job? / Perchè vuoi cambiare lavoro?

Se stai già lavorando o se hai appena lasciato il lavoro, questa è una domanda che tutti i tuoi interlocutori ti faranno in sede di colloquio. Nonostante sia una domanda particolarmente ostica, cerca di girarla a tuo vantaggio: se vuoi cambiare lavoro perché non vedi di buon occhio i tuoi superiori, non dirlo; cerca piuttosto di spiegare che sei in cerca di stimoli nuovi e che vuoi apprendere nuove competenze. 

Ecco degli esempi di risposta:

  1. Do you have any questions for us? / Hai altre domande per noi?

Al termine di un colloquio qualsiasi datore di lavoro competente dovrebbe farti questa domanda. Nonostante sia una domanda che può mettere in imbarazzo o spaventare, è un’ottima opportunità per toglierti tutti i dubbi che hai sul lavoro, sull’azienda o sui compiti che svolgeresti in caso di assunzione.  

Ecco alcuni esempi di domande che potresti porre all’interlocutore: 

Se vuoi ricevere ulteriori consigli su come affrontare un colloquio di lavoro in inglese o sull’apprendimento linguistico in generale, non esitare a contattarmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *